Splatterhouse 3 (part 3)

Splatterhouse part 3 - cover front JP

 

Splatterhouse 3

Scheda Tecnica

 

DATI TECNICI

TITOLO: Splatterhouse part 3 (trad. Casa dello “Splatter” parte 3 o Casa dello spargimento di sangue parte 3)

ALTRI TITOLI: Splatterhouse 3 (USA) (trad. Casa dello “Splatter” 3 o Casa dello spargimento di sangue 3)

GENERE: picchiaduro

STILE: scorrimento

TEMA: horror

SVILUPPO: Namco

PUBBLICAZIONE: Sega

ANNO: 1993

PIATTAFORME: Mega Drive/Genesis (originale)

N. GIOCATORI: 1

LINGUE: inglese (originale), italiano (amatoriale)

SUPPORTI DI MEMORIA: cartuccia

PERIFERICHE: joypad

LICENZA: copyright

 

TRAMA

Dopo la sua ultima visita alla villa e avendo salvato Jennifer cinque anni fa, Rick si sposa con la sua fidanzata ed hanno avuto un figlio chiamato David. Per mantenere la famiglia diventa un economista di Wall Street, compra una casa nel Connecticut e vive in pace con la famiglia.

Una notte sogna la Maschera del Terrore ed al suo risveglio Jennifer e David sono spariti. Ma si ritrova davanti a sé la Maschera che gli dice che la sua famiglia è stata rapita dalle forze del male capeggiate dal Primo dei Malvagi che vuole usare i poteri psichici latenti del figlio per ripristinare i poteri della Pietra Oscura, un artefatto che ha il potere di portare il male e le tenebre sulla Terra.

 

IL GIOCO

Per la terza volta s’impersonerà il personaggio di Rick in uno sfondo horror-splatter in cui affronterà l’orda di mostri all’interno della sua casa in stanze in sfacelo macchiate di sangue e fogne infestate da mutanti e demoni. In questo terzo episodio i livelli son suddivisi in stanze percorribili a piacimento spostandosi tra l’una e l’altra col limite di sconfiggere i mostri che le infestano prima di aprirne le porte. Tramite una mappa è possibile vedere la piantina del piano in cui ci si trova e la stanza del boss. Rispetto ai precedenti episodi gli stage sono percorribili anche in profondità -alto e basso- e non solo in senso orizzontale bidimensionale.

Diversamente dagli altri episodi sarà possibile raccogliere dei cuori per ripristinare l’energia, dei libri che valgono una vita extra e delle sfere per incrementare il potere della metamorfosi.
I livelli prevedono anche un limite di tempo entro il quale bisognerà affrettarsi ad arrivare allo scontro coi vari boss per poter salvare Jennifer e David.

Nello schermo son visualizzate due strisce: in quella in alto il tempo, “Time”, e le vite rimaste, col simbolo della Maschera e il numero che ne segna la quantità, ed in quella in basso la barra “Pow” che segna il potere della metamorfosi e la barra “Life” che segna l’energia rimasta.

Il sistema di combattimento prevede una serie di combo e attacchi speciali che lo rendono uguale a quello dei picchiaduro tradizionali; Rick poi ha ancora la possibilità di raccogliere armi durante il cammino e la possibilità di trasformarsi.

Il sistema di controllo fondamentale è composto dal pad direzionale che muove rick nelle otto direzioni, il tasto B attacca con la combinazione di pugni o dall’arma impugnata al momento, il tasto C permette il salto ed il tasto A dà inizio alla metamorfosi. La metamorfosi si ottiene completando la barra del potere e trasforma il corpo di Rick aumentandone la masa muscolare, permettendogli di abbattere con minor sforzo i nemici; la mutazione finisce quando si libera una stanza da tutti i nemici presenti, si passa al livello successivo o si esaurisce la barra del potere.

 

NOTIZIE VARIE (POSSIBILI SPOILER)

  • Splatterhouse 3 non è mai uscito in versione europea.
  • In questo episodio vengono implementati elementi che lo distinguono dagli altri episodi come la possibilità di movimento nelle otto direzioni, gli attacchi in combo, le prese e gli attacchi speciali tipici dei picchiaduro alla Final Fight nonché la trasformazione che aumenta la potenza del personaggio; poi c’è l’elemento tempo che, se non si fa in tempo a salvare Jennifer o David prima che scada, crea dei finali alternativi (in tutto tre).

 

COLLEGAMENTI

 

Gameplay

Lascia un commento

Oppure

*