Rocket Knight Adventures

Rocket Knight adventures JP - cover front

 

Rocket Knight Adventures

Scheda Tecnica

 

DATI TECNICI

TITOLO: Rocket Knight Adventures (trad. Le avventure del Cavaliere Razzo)
GENERE: piattaforme, con elementi sparatutto
STILE: scorrimento
TEMA: fantasy
SVILUPPO: Konami
PUBBLICAZIONE: Sega
ANNO: 1993
PIATTAFORME: Mega Drive/Genesis
N. GIOCATORI: 1
LINGUE: giapponese (originale), inglese (ufficiale)
SUPPORTI DI MEMORIA: cartuccia
PERIFERICHE: joypad
LICENZA: copyright, abandonware

 

TRAMA

Il protagonista del gioco è Sparkster, un opossum con armatura e spada medievali ma dotato di razzi propulsori sulla schiena. Sparkster è un cavaliere scelto dei Rocket Knights e un giorno viene convocato dal re per portare a termine un’importante missione: salvare sua figlia, la principessa, dalle mani dell’Imperatore Devoitnidos.

 

IL GIOCO

La grafica è in stile manga/anime dall’aspetto vivace. Sparkster si muove in livelli principalmente a scorrimento orizzontale ma ogni tanto si ritroverà in livelli a scorrimento verticale o stile sparatutto classico. L’eroe si troverà ad affrontare orde di nemici a piedi o alla guida di veicoli e robot di ogni genere: sia di terra che di aria che d’acqua.

Per difendersi può lanciare proiettili dalla sua spada, roteare su sè stesso o lanciarsi usando i razzi propulsori. Sparkster ha anche la capacità di appendersi con la coda ai rami degli alberi o alle liane per poi scorrerli per superare vari tipi di ostacoli.

 

NOTIZIE VARIE (POSSIBILI SPOILER)

  • Il designer del gioco è Nobuya Nakazato che ha creato in seguito giochi famosi (sempre per la Konami) come Castelvania e Contra.
  • Tra i compositori spicca Michiru Yamane, la compositrice di altri giochi famosi come Castelvania: Symphony of the night e il dimenticato Snatcher.

 

COLLEGAMENTI

Konami Digital Entertainment Inc, sito ufficiale multilingua, incluso l’italiano.

 

Gameplay

2 thoughts on “Rocket Knight Adventures

  1. darkleo il said:

    Che grande gioco questo! Ci ho passato un sacco di ore su Mega drive (e tuttora grazie agli emulatori). Ricordo che finendolo al livello difficile se ne sbloccava uno impossibile (mi pare si chiamasse “crazy”) in cui perdevi una vita al primo contatto con i nemici (non credo di averlo mai finito a questo livello).

Lascia un commento

Oppure

*