Donkey Kong

Donkey Kong arcade - original logo JP

 

Donkey Kong

Scheda Tecnica

 

DATI TECNICI

TITOLO: Donkey Kong (trad. Stupido/testardo Kong, il termine “donkey” significa “asino” nel senso di “poco intelligente” oppure “testardo”; Kong deriva dal personaggio immaginario King Kong)

GENERE: piattaforme

STILE: schermo fisso

TEMA: fantasy

SVILUPPO: Nintendo

PUBBLICAZIONE: Nintendo

ANNO: 1982

PIATTAFORME: coin-op, NES, MS-DOS, Atari 2600, Atari 7800, Commodore 64, Commodore VIC-20, Apple II, Coleco Vision, Game Boy, Game Boy Color, Sinclair ZX Spectrum, Intellivision, Amstrad CPC, MSX, TI 99/4A, TRS-80 CoCo,

N. GIOCATORI: 1, 2 alternati

LINGUE: inglese (originale)

SUPPORTI DI MEMORIA: scheda coin-op, cartuccia, cassetta

PERIFERICHE: joystick

LICENZA: copyright

 

TRAMA

Jumpman deve salvare Pauline dalle mani del gigantesco gorilla chiamato Donkey Kong.

 

IL GIOCO

La grafica del gioco è quella standard dell’epoca, con schermo nero ed estetica lineare delle piattaforme.
I personaggi sono più curati e caratterizzati rispetto alla grafica dei livelli.

Lo schermo è fisso, quindi l’azione si svolge tutta all’interno della schermata.

Lo scopo del gioco è quello di raggiungere la cima del livello dove si trova Kong e Pauline che chide aiuto.

Il gioco è a loop continuo, questo significa che una volta arrivati alla fine si ricomincerà daccapo.

Nella parte alta dello schermo sono presenti i parametri. In alto a destra ci sono le vite a disposizione, segnate dall’immagine di Jumpman; a fianco è presente il punteggio; in alto a destra è presente il livello di difficoltà che aumenterà ogni volta che si completa il gioco.

Gli stage sono composti da una serie di travi orizzontali collegate fra loro da delle scale verticali percorribili da Jumpman.

I pericoli presenti nel gioco sono dati principalmente dai barili lanciati da Donkey Kong. Altri sono causati dalla caduta da posti elevati e dai fuochi viventi che fuoriescono dal barile d’olio presente in ogni livello.

I bonus presenti sono dati dai punti ottenibili saltando i barili lanciati da Kong, ogni barile saltato vale 100 punti. Altri bonus sono gli oggetti come il borsellino, il cappello e l’ombrello che daranno punti extra.

Un altro bonus degno di nota è il martello, che permette a Jumpman di rompere i barili; il martello viene utilizzato automaticamente dal personaggio una volta raccolto.

L’unica mossa disponibile a protagonista è il salto con cui può oltrepassare i barili e i piccoli spazi tra una piattaforma e l’altra.

 

NOTIZIE VARIE (POSSIBILI SPOILER)

  • “Jumpman” è il primo nome del personaggio che successivamente verrà chiamato “Mario”. Il personaggio fa il carpentiere come mestiere, poi verrà sostituito da quello d’idraulico.
  • La struttura del palazzo a piani è ispirata alla salita di King Kong nel film omonimo, così come il nome dell’antagonista del gioco.
  • Esiste anche la credenza che il nome “Donkey” sia un refuso e che il nome originale dovesse essere “Monkey” (“Monkey Kong”, quindi). Informazioni qui: Snopes.com, Monkey wrong.
  • Donkey Kong usa l’engine di un gioco uscito l’anno precedente chiamato Radar Scope, per cui i cabinati rimasero gli stessi e venne sostituito solo il game. Di tutto si occupò l’ormai famoso Shigeru Miyamoto.
  • Alla produzione parteciparono il compianto Gunpei Yokoi come programmatore e Hirokazu Tanaka per le musiche.

 

COLLEGAMENTI

  • Nintendo.com, sito ufficiale in multilingua, compreso l’italiano.

 

Gameplay

Lascia un commento

Oppure

*