Resident Evil (Bio Hazard)

Bio hazard - cover front

 

Bio Hazard/Resident Evil

Scheda Tecnica

 

 

DATI TECNICI

TITOLO: Bio Hazard (inglese trad. Rischio biologico, termine col quale vengono segnati i materiali da trasporto chimici e nucleari di tipo pericoloso e tossico)

ALTRI TITOLI: Resident Evil (Europa, USA) (trad. Il male che abita)

GENERE: survival horror

STILE: comando diretto

TEMA: horror

SVILUPPO: Capcom

PUBBLICAZIONE: Virgin Interactive

ANNO: 1996

PIATTAFORME: PlayStation (originale), Saturn/Windows (ufficiali)

N. GIOCATORI: 1

LINGUE: giapponese (originale), inglese/francese (ufficiale), italiano (amatoriale)

SUPPORTI DI MEMORIA: CD

PERIFERICHE: joypad

LICENZA: copyright, abandonware

 

TRAMA

Ci sono delle strane morti a Raccoon City, una pattuglia della S.T.A.R.S. viene mandata ad investigare ma non sanno che ad attenderli c’è un orrore al quale non erano preparati.

 

IL GIOCO

I toni delle aree sono buie e cupe e tutta l’atmosfera è seriosa. I personaggi sono tridimensionali ma si aggirano su background bidimensionali a inquadrature fisse.

Sarà possibile impersonare due personaggi: Jill Valantine e Chris Redfield. A seconda del personaggio scelto, il gioco verrà affrontato con andamenti leggermente differenti; una differenza sostanziale fra i personaggi è che Jill parte con un’arma iniziale e troverà più proiettili e prodotti medici ma è meno resistente agli attacchi, Chris è più robusto di Jill ma ha meno munizioni e medicamenti a disposizione nel gioco.

Resident Evil presenta una componente d’azione in cui bisogna sparare ai nemici per poter sopravvivere ma ci si ritroverà a dover venire a capo di alcuni enigmi per proseguire.

I comandi degli spostamenti sono a sinistra e destra per ruotare in senso orario e antiorario, su per avanzare e giù per indietreggiare. Il tasto X è adibito alle azioni come aprire le casse, controllare o prendere gli oggetti. Per usare l’arma equipaggiata si tiene premuto il tasto R1 e si attacca col tasto X (per le azioni).

 

NOTIZIE VARIE (POSSIBILI SPOILER)

  • La struttura fondamentale grafica di Resident Evil è chiaramente ispirata da Alone in the dark, mentre gli enigmi sembrano provenire da Sweet home, quest’ultimo sempre della Capcom.
  • Il gioco subì varie censure nelle versioni occidentali come le scene d’intermezzo tagliate dell’introduzione, la scena del primo zombie in cui non viene mostrata una testa tagliata; nella versione giapponese l’unica censura posta è quella del filmato introduttivo che venne reso in bianco e nero.
  • La versione Saturn, avendo una capacità 3D minore rispetto a quella Playstation, venne arricchita di dettagli negli sfondi. Inoltre venne aggiunta la modalità Battle.
  • Con questo gioco la CAPCOM coniò il termine “Survival Horror”, definendo così il suo genere d’appartenenza.

 

COLLEGAMENTI

  • CAPCOM, sito ufficiale in multilingua, l’italiano non è compreso.

 

Gameplay

Lascia un commento

Oppure

*