Alex Kidd in Miracle World

Alex Kidd no Miracle World - cover

 

Alex Kidd in Miracle World

Scheda Tecnica

 

 

Dati Tecnici

TITOLO: Alex Kidd no Miracle World (Giapponese trad. Alex Kidd del Mondo dei Miracoli)
ALTRI TITOLI: Alex Kidd in Miracle World (Europa, USA) (Inglese trad. Alex Kidd nel Mondo dei Miracoli)
GENERE: piattaforme
STILE: scorrimento
TEMA: fantasy
SVILUPPO: Sega
PUBBLICAZIONE: Sega
ANNO: 1986
PIATTAFORME: Master System/Mark III
N. GIOCATORI: 1
LINGUE: giapponese (originale), inglese (ufficiale), italiano/coreano (amatoriale)
SUPPORTI DI MEMORIA: cartuccia, memoria console
PERIFERICHE: joypad
LICENZA: copyright, abandonware

 

Trama

Alex Kidd vive nella Terra dei Miracoli, che si trova sul pianeta Aries, ed è il principe di una città che si chiama Radaxian. Alex è maestro dell’arte marziale chiamata Shellcore (“Blocken” in giapponese, un misto fra “block”, “mattone” in inglese, e “ken”, “pugno” in giapponese, ma è probabile che ci possa essere anche il gioco di parole con “broken”, “rotto” in inglese) una tecnica che permette di rompere le rocce a mani nude. Dopo aver passato sette anni nel Monte Eterno a specializzarsi nelle arti marziali decide di andare a cercare la sua patria, Radaxian, ma lungo il cammino trova un vecchio in punto di morte che lo avverte che Radaxian è in pericolo e gli da una mappa della Terra dei Miracoli e il Medaglione del Sole. Nel corso dell’avventura Alex scopre che chi ha preso potere nella sua città è Janken il Grande, l’imperatore di un altro pianeta chiamato Janbarik, che vuole sottomettere tutta la Terra dei Miracoli.

 

Il gioco

Alex Kidd in Miracle World si presenta con una veste ironica, con una grafica da cartone animato composta da colori vivaci e personaggi in stile Super Deformed.

Gli effetti sonori sono squillanti e morbidi. Le musiche sono ben composte e sono tutte largamente distinguibili per le varie tipologie di livello.

Le azioni di Alex gli permettono di camminare a sinistra e destra e di accovacciarsi, in alto serve per salire le scale; il Tasto 1 gli permette di sferrare pugni sia a terra che durante il salto, e il Tasto 2 gli permette di saltare. Una tecnica alternativa è quella di far accovacciare Alex mentre cammina: tale movenza lo fa abbassare ma slittando, permettendogli di passare negli spazi che non può attraversare in piedi; una volta sotto questi spazi basterà premere a sinistra o a destra per far continuare a muovere Alex. In acqua il tasto direzionale serve per muoversi nelle quattro direzioni, il Tasto 1 per i pugni, il Tasto 2 aumenta la velocità di nuoto. Il tasto PAUSA mette in pausa il gioco, mostrando la mappa con la locazione in corso, il punteggio, le vite rimaste e l’inventario con gli oggetti acquisiti.

Alex si muove in livelli dinamici che a seconda dello stage saranno percorribili verticalmente od orizzontalmente oppure fatti di stanze statiche percorribili liberamente. Alcuni tra questi livelli si affronteranno a nuoto o usando dei veicoli.

Il sistema di gioco alterna l’azione principale a piattaforme con sezioni in cui si utilizzano veicoli: la motocicletta Sukopako, l’elicottero a pedali, o Peticopter, e il motoscafo Suisui. Le sessioni con la moto non sono obbligatorie ma la moto la si può comprare nei negozi per superare alcuni livelli; con la moto è possibile accelerare e rallentare, può rompere i mattoni distruttibili ma non quelli indistruttibili (proprio come Alex a mani nude o con il Bracciale), e non è possibile indietreggiare o fermarsi. Il motoscafo è simile alla moto, con la sola differenza che per il motoscafo è più una corsa a ostacoli e non si possiamo saltare sulle piattaforme; il motoscafo può sparare dei proiettili e non può distruggere i mattoni, tenendo conto che tutti i mattoni dei livelli del motoscafo sono del tipo indistruttibile; se il motoscafo va a sbattere si distrugge e manda Alex nel mare e ci troveremo ad affrontare un livello acquatico. I livelli col Peticopter sono sia obbligatori che facoltativi, in alcuni livelli lo si può comprare nei negozi e in altri si inizia direttamente a bordo del mezzo; i livelli obbligatori sono di due tipi, nei quali se il veicolo si rompe si finisce in un livello marino e altri in cui si perde direttamente una vita o non è possibile continuare il livello.

I nemici di terra sono scorpioni, pterodattili, bambole Daruma saltellanti con alette ai lati, scimmie in gilè, rocce viventi e fiamme viventi. I nemici marini sono cavallucci marini, pesci, piraña salterini, tritoni, polpi, piraña giganti. Un nemico extra è un fantasma con tonaca e cappucio grigio, dal volto oscurato che tiene un bastone in mano; esso si rivela solo attraverso delle trappole che lo fanno comparire. Come boss abbiamo gli sgherri di Janken: Testa di Sasso, Testa di Forbice e Testa di Carta (in Occidente, in Giappone si chiamano rispettivamente Gooseka, Chokkina e Parplin), che sono dei cattivi dal corpo umano ma dalla testa di mano nella posizione di carta, forbici e sasso della morra cinese. A questi boss se ne aggiungono altri due: un toro infuriato e un orso dai capelli verdi che brandisce una sciabola. Questi nemici si affrontano colpendoli con gli attacchi a disposizione del personaggio o superandoli nel caso non li si voglia o si possa affrontarli, eccezione fatta per i boss di fine livello. Un’alternativa agli scontri la offrono gli avversari principali del gioco, i tre sgherri di Janken, che sfidano Alex alla “morra cinese”.

Alex può usufruire anche di oggetti speciali che gli donano poteri limitati nel tempo ma utili; questi oggetti si trovano dentro le scatole dorate sparse per i livelli sulle quali è raffigurato un punto di domanda, oppure si possono comprare nei negozi all’inizio di alcuni livelli. Gli oggetti vengono messi nell’inventario e se ne può avere solo uno per tipo.

Gli oggetti che possiamo trovare durante l’avventura sono:

  • Il Bracciale del Potere, con il quale Alex può lanciare le Onde d’Urto della Distruzione, un antico segreto dell’arte dello Shellcore
  • La cipria del teletrasporto, rende Alex invincibile per un periodo limitato
  • Il Bastone Volante, permette di volare per un periodo limitato
  • La Capsula Magica A, manda all’attacco otto piccoli cloni di Alex per colpire i nemici
  • La Capsula Magica B, crea una barriera difensiva contro i nemici

A questi si aggiungono anche oggetti speciali:

  • La Sfera Telepatica, permette di vedere cosa pensano i nemici quando si gioca alla morra cinese
  • Il Medaglione del Sole, già in possesso di Alex, utile alla fine del gioco
  • Il Medaglione della Luna, nelle mani di Janken, utile alla fine del gioco
  • La Lettera Personale del Re di Nibana, senza questa non si potrà avere la Pietra di Hirotta
  • La Pietra di Hirotta, con la quale risolvere l’ultimo enigma e prendere la Corona d’Oro
  • La Corona d’Oro, l’obiettivo finale di Alex

 

Notizie varie (possibili spoiler)

  • È il primo ma più conosciuto ed apprezzato gioco della serie di Alex Kidd, non superato nemmeno dal titolo uscito per il Mega Drive Alex Kidd in Enchanted Castle.
  • Fu probabilmente il primo e unico gioco ad essere incorporato nella memoria interna di una console ma questo avvenne solo nel Master System 2 e non nella prima edizione di questa console.
  • La versione giapponese è differente da quella occidentale per due particolari: il primo è quello che la versione nipponica fu distribuita solo in cartuccia mentre l’altra fu incorporata nella memoria interna della console; il secondo è lo scambio dei tasti per l’attacco e il salto che nella cartuccia risultavano il tasto 2 per attaccare e il tasto 1 per saltare mentre nella versione in memoria questi furono invertiti.
  • Alex Kidd venne concepito per essere la mascotte della Sega, ma venne sostituito da Sonic all’uscita del Mega Drive per motivi imprecisati, o forse perché Sonic spopolò con il suo sistema di gioco innovativo per un personaggio di un gioco piattaforme.
  • Il nome del cattivo del gioco, Janken, è la denominazione giapponese della morra cinese.
  • Alex Kidd compare in altri videogiochi sia nascosto come elemento sia menzionato in qualche scritta di uno stage. Per esempio nel gioco Kenseiden, sempre per Master System, nel livello delle grotte c’è il viso di Alex mimetizzato con le pietre delle pareti; il viso si ritrova in vari punti delle suddette pareti. In Altered Beast alcune tombe che emergono dal terreno nel primo stage hanno inciso il nome Alex e in altre quello di Stella, la sua fidanzata. Nel gioco Shenmue e Shenmue II, per Dreamcast, vi si trova il giocattolo dalle fattezze di Alex. In Segagaga, sempre per Dreamcast, appare in un filmato stile anime in cui è un venditore di videogiochi che racconta al protagonista la storia di come fu sostituito dalla Sega per un porcospino blu (Sonic). Compare anche in Sega Superstar Tennis, per Nintendo Wii, come personaggio giocabile.
  • Alex Kidd in Miracle World è talmente famoso nel mondo dei retrogamer che è stato l’unico titolo della serie ad aver delle patch di traduzione amatoriali in varie lingue create dagli estimatori del gioco.

 

Collegamenti

  • Sega.com, sito ufficiale in multilingua, compreso l’italiano.
  • Sega8bit, Fansite inglese dedicato ai giochi e ai personaggi del Master System. Di seguito la pagina con le notizie sul personaggio di Alex in cui si trova anche un collegamento alla loro stessa scheda tecnica di Alex Kidd in Miracle World: SEGA8Bit Alex Kidd.
  • SMS Power, sito in inglese che si occupa di salvare dal dimenticatoio i giochi SEGA a 8bit. Il sito comprende anche hack dei giochi originali, traduzioni in svariate lingue, prototipi e giochi completi mai rilasciati commercialmente, e giochi pirata.

 

Gameplay

Lascia un commento

Oppure

*